page-banner

notizia

La stimolazione del midollo spinale può ridurre l'uso di oppioidi

Secondo un nuovo studio, l'uso di oppioidi da parte di pazienti con dolore cronico è diminuito o stabilizzato dopo aver ricevuto un dispositivo di stimolazione del midollo spinale.

I risultati hanno spinto i ricercatori a suggerire che i medici prendano in considerazione la stimolazione del midollo spinale (SCS) prima per i pazienti il ​​cui dolore peggiora nel tempo piuttosto che prescrivere più antidolorifici, ha affermato il ricercatore principale Ashwini Sharan, MD, in un'intervista.I piccoli trasmettitori alimentati a batteria forniscono segnali attraverso cavi elettrici impiantati lungo il midollo spinale per interferire con i messaggi di dolore che viaggiano dai nervi al cervello.

Lo studio ha incluso i dati assicurativi di 5476 pazienti che avevano SCS e ha confrontato il numero delle loro prescrizioni di oppioidi prima e dopo l'impianto.Un anno dopo l'impianto, il 93% dei pazienti che hanno continuato la terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS) aveva dosi medie giornaliere equivalenti alla morfina inferiori rispetto ai pazienti a cui era stato rimosso il sistema SCS, secondo lo studio, che Sharan prevede di presentare per la pubblicazione.

"Quello che abbiamo notato è che le persone hanno avuto una massiccia escalation del consumo di stupefacenti un anno prima dell'impianto", ha affermato Sharan, professore di neurochirurgia alla Thomas Jefferson University di Filadelfia e presidente della North American Neuromodulation Society.Sharan ha presentato i risultati alla riunione annuale del gruppo questa settimana".Nel gruppo che ha continuato con l'SCS, la dose di narcotici è stata nuovamente ridotta al livello in cui era prima di aumentare.

Spinal

“Non ci sono molti buoni dati sulla popolazione, fondamentalmente, che dicano qual è la relazione tra questi narcotici e questi impianti.Questa è davvero la battuta finale di questo", ha aggiunto."Abbiamo un documento di lavoro e un protocollo e stiamo sponsorizzando uno studio prospettico sull'utilizzo del dispositivo come strategia di riduzione dei narcotici perché, che ci crediate o no, non è stato studiato".

Secondo Sharan, i ricercatori non sapevano quali sistemi SCS dei produttori fossero stati impiantati nei pazienti di cui avevano studiato i dati e non hanno finanziamenti per un ulteriore studio.Lo studio iniziale è stato finanziato da St. Jude Medical, che è stata recentemente acquisita da Abbott.La FDA ha approvato il sistema BurstDR SCS di St. Jude lo scorso ottobre, l'ultimo di una serie di approvazioni SCS.

Secondo un rapporto di STAT News, Abbott ha fatto di tutto per convincere i medici a prescrivere l'antidolorifico oppioide OxyContin nei primi anni della sua disponibilità.La testata giornalistica ha ottenuto documenti da un caso intentato dallo stato del West Virginia contro Abbott e lo sviluppatore di OxyContin Purdue Pharma LP, sostenendo che avevano commercializzato il farmaco in modo inappropriato.Purdue ha pagato $ 10 milioni nel 2004 per risolvere il caso.Nessuna delle due società, che aveva accettato di co-promuovere OxyContin, ha ammesso illeciti.

"SCS è l'ultima risorsa", ha continuato Sharan.“Se aspetti un anno affinché qualcuno raddoppi quasi il dosaggio di narcotici, allora devi svezzarlo.È molto tempo perso".

La prescrizione di un anno di morfina costa in genere $ 5.000 e il costo degli effetti collaterali si aggiunge al totale, ha osservato Sharan.Gli stimolatori del midollo spinale costano in media $ 16.957 a gennaio 2015, in aumento dell'8% rispetto all'anno precedente, secondo il Modern Healthcare/ECRI Institute Technology Price Index.Secondo i dati ECRI, i modelli più nuovi e complessi prodotti da Boston Scientific e Medtronic costano in media $ 19.000, rispetto ai circa $ 13.000 dei modelli più vecchi.

Gli ospedali stanno optando per i modelli più recenti, ha riferito l'ECRI, anche se aggiornamenti come la connettività Bluetooth non fanno nulla per migliorare il sollievo dal dolore, secondo Sharan.Il presidente della società ha detto che impianta circa 300 dispositivi all'anno, compreso l'SCS, e cerca di fare “una grande distinzione, quando parlo con i medici, sulle caratteristiche rispetto alla funzione.Le persone si perdono davvero nei nuovi scintillanti strumenti.


Tempo di pubblicazione: 27-gennaio-2017